Museo d’Arte

Museo del Territorio Biellese

Biella (BI)

In abbonamento
Il museo della città di Biella permette di compiere un viaggio nella storia e nel tempo, dalla preistoria alla contemporaneità. Lungo il percorso si incontrano la sezione paleontologica e archeologica, una ricca sala con reperti dell’antico Egitto e opere d’arte che coprono un arco temporale dal XII secolo fino alle avanguardie del Novecento.

Inaugurato nel dicembre 2001 per raccogliere e conservare il patrimonio biellese, si è arricchito nel corso degli anni con l’allestimento di varie sezioni.
Le sezioni paleontologica e archeologica: con i fossili marini del Biellese, una piroga monossile di età romana, i reperti della Bessa, la necropoli romana di Cerrione e di Biella, e l’area dedicata al Medioevo dolciniano. Un allestimento di grande impatto, anche multimediale, che crea suggestioni ed emozioni.

A questa si aggiungono: una ricca sezione egizia, nella quale spicca, in una teca molto suggestiva al centro della sala, il sarcofago in legno finemente decorato con mummia appartenente ad una donna; e una stanza dedicata ai reperti che appartengono alle culture della Mesoamerica e dei territori andini, prima dell’arrivo dei Conquistadores.

L’esposizione delle collezioni storico-artistiche invece cominciano a partire dalle testimonianze pittoriche del XII secolo: da qui è possibile seguire l’evoluzione della cultura figurativa e del gusto collezionistico locale, con opere cinquecentesche provenienti dalle più illustri botteghe vercellesi, dipinti caravaggeschi e di scuola veneta settecentesca che testimoniano l’ambiente culturale entro cui lavorarono i fratelli Galliari.
Le collezioni di Ottocento e Novecento presentano la pittura piemontese di paesaggio con notevoli dipinti di Antonio Fontanesi, Marco Calderini, Giovanni Giani, Giovanni Piumati e la produzione di Lorenzo Delleani.
Il capolavoro divisionista di Emilio Longoni apre il Novecento di eccellenza, insieme alle opere di Carlo Carrà e dei maggiori esponenti delle Avanguardie storiche, come Renè Magritte, Paul Klee, Max Ernst, Marc Chagall, Joan Mirò, Giacomo Balla e Lucio Fontana.


Orari:
Lunedì: chiuso
Martedì: chiuso
Mercoledì: chiuso
Giovedì: 10:00 - 14:00
Venerdì: 14:00 - 18:00
Sabato: 10:00 - 18:00
Domenica: 10:00 - 18:00
Informazioni aggiuntive aperture e chiusure straordinarie:
Dom 25.12.2022: chiuso
NB: Le informazioni possono variare. Controlla sempre il sito del museo per orari e tariffe aggiornate.

Sei abbonato?
Tessera Piemonte - Valle d'Aosta: in abbonamento
Non sei abbonato?
  • Biglietto intero: 5,00 €
  • Biglietto ridotto: 3,00 €
Via Quintino Sella, 54/b Biella (BI)

Servizi e accessibilità

Disabilità Apri
Infanzia Apri

Potrebbe interessarti anche:

Cittadellarte – Fondazione Pistoletto
La fondazione, che ha sede in un vecchio opificio, è un centro dedicato all’arte contemporanea che organizza mostre, convegni, spettacoli,…
Biella (BI)
L’arte con chi ne fa parte | Piemonte
MeBo Menabrea Botalla Museum
Nel centro storico di Biella si trova uno spazio espositivo nato dalla collaborazione di due aziende di lunga tradizione. Casa…
Biella (BI)
I podcast di AM
Oasi WWF Giardino Botanico di Oropa
Situato a 1.200 m di quota ha lo scopo di far conoscere la flora montana ed alpina, in particolare quella…
Biella (BI)
SANTUARIO DI OROPA | MUSEO DEI TESORI DI OROPA
Sorge a 1.200 m di altitudine ed è il più importante Santuario mariano delle Alpi. Il museo espone gli ori,…
BIELLA (BI)
CASA ZEGNA
Casa Zegna è sede dell’archivio storico del Gruppo Ermenegildo Zegna. Realizzata con un innovativo concept archivistico e museale in una…
Trivero (BI)
AM Piemonte Valle d'Aosta
280musei

AM Piemonte Valle d'Aosta

250 musei in territorio piemontese e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per piemontesi e valdostani.
Abbonamento Formula Extra
480musei

AM Formula Extra

è la formula integrata per visitare 480 realtà in Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta.
Tre regioni in un’unica carta.
AM Lombardia Valle d'Aosta
230musei

AM Lombardia Valle d'Aosta

200 musei in territorio lombardo e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per lombardi e valdostani.