Museo Archeologico

MUSEO CIVICO di MANERBIO E DEL TERRITORIO

Manerbio (BS)

In abbonamento
Il Museo Civico di Manerbio e del territorio nasce nel 1985 per garantire una sede adeguata ai numerosi reperti che erano emersi nel corso degli anni grazie agli scavi e alle raccolte di superficie condotti dal locale Gruppo Storico Archeologico.
Ha sede nell’ala seicentesca di Palazzo Luzzago, edifico che ospita anche il Municipio, la Biblioteca Civica e il Piccolo Teatro “Memo Bortolozzi”.

La sede espositiva dispone di una superficie di circa 500 mq; in ambienti adiacenti si trovano il laboratorio didattico, l’ufficio per il personale, dotato di biblioteca specialistica, la sede del Gruppo archeologico e il deposito del museo attrezzato per la catalogazione e lo studio dei reperti.

Dal 2004 è attivo un servizio didattico ricolto alle scolaresche della città e del territorio che comprende visite guidate tradizionali, visite animate condotte da personaggi abbigliati alla moda del tempo, percorsi tematici e laboratori didattici.

Il percorso espositivo articolato in senso cronologico vuole ripercorrere le tappe del popolamento nel territorio della bassa pianura bresciana dal Neolitico (VI millennio a.C.) fino all’età post medievale.

Manufatti in selce lavorata, frammenti di vasi a bocca quadrata, ceramiche e pugnali in bronzo provenienti dai contesti del Vallone di Offlaga, da Milzanello e dal fiume Oglio sono testimoni delle epoche più antiche.

Significativi reperti, quali le dracme in argento, attestano invece l’importanza della zona di Manerbio all’interno dell’area territoriale prescelta dai galli Cenomani per il loro stanziamento a partire dal IV secolo a.C.; dalla città provengono infatti importanti ritrovamenti quali le celebri falere della Cascina Remondina e il tesoretto di oltre 3000 monete di Gavrine Nuove, oggi al Museo di Santa Giulia a Brescia.

L’età romana è documentata da numerosi corredi tombali; tra i contesti più interessanti si segnala quello di Cascina Trebeschi con quarantaquattro tombe ad incinerazione indiretta databili tra la prima metà del I secolo e l’inizio del III. La presenza di corredi abbondanti con oggetti di pregio manifesta una situazione economica di benessere, e sono certamente da riferire all’élite locale di prima età imperiale ormai completamente romanizzata.

La fase post medievale che chiude il percorso è esemplificata dal ricco campionario di ceramiche invetriate e ingubbiate recuperate dalla Roggia Marianna di Manerbio, preziosi indizi della presenza di boccalari particolarmente attivi in città; si ricorda, tra tutti, il nome del ceramista Santo Pellegrino noto attraverso i sigilli impressi sui pezzi prodotti dalla sua bottega.

Il museo custodisce inoltre l’unica moneta nota in Italia di Ariperto I, re longobardo dal 653 al 661.


Orari:
Lunedì: chiuso
Martedì: 14:30 - 18:30
Mercoledì: 10:00 - 13:00 | 14:30 - 18:30
Giovedì: 14:30 - 20:00 | 20:30 - 22:30
Venerdì: 14:30 - 18:30
Sabato: 09:00 - 12:00
Domenica: 16:00 - 19:00
NB: Le informazioni possono variare. Controlla sempre il sito del museo per orari e tariffe aggiornate.

Sei abbonato?
Tessera Lombardia - Valle d'Aosta: in abbonamento
Non sei abbonato?
  • Biglietto intero: Gratuito
  • Biglietto ridotto: Non previsto
Piazza Cesare Battisti 2 Manerbio (BS)

Servizi e accessibilità

Disabilità Apri
Infanzia Apri
AM Piemonte Valle d'Aosta
280musei

AM Piemonte Valle d'Aosta

250 musei in territorio piemontese e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per piemontesi e valdostani.
Abbonamento Formula Extra
490musei

AM Formula Extra

è la formula integrata per visitare 490 realtà in Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta.
Tre regioni in un’unica carta.
AM Lombardia Valle d'Aosta
240musei

AM Lombardia Valle d'Aosta

210 musei in territorio lombardo e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per lombardi e valdostani.