Luogo di Culto

DUOMO DI MILANO | LA CATTEDRALE

Milano (MI)

In abbonamento
Il Duomo di Milano, la cattedrale cuore della città, è il più grande e complesso edificio gotico d’Italia, realizzato in marmo bianco rosato che proviene da una cava dedicata solo a questa costruzione. È lungo 157 metri e sulla guglia maggiore, alta 108,5 metri, svetta la statua dorata della Madonnina, simbolo amato da tutti i milanesi e non solo.

I lavori per l’edificazione del Duomo di Milano iniziarono quando il gotico delle cattedrali era ormai giunto alla sua massima fioritura, nel 1386, con la decisione di fondarlo là dove erano situate le antiche basiliche di Santa Maria Maggiore e di Santa Tecla, i cui resti, unitamente a quelli del Battistero di San Giovanni alle Fonti, sono tuttora visibili all’interno dell’Area Archeologica. Per tale finalità, nell’ottobre del 1387, su impulso di Gian Galeazzo Visconti, Signore di Milano, nacque la Veneranda Fabbrica del Duomo, con lo scopo di portare avanti i lavori di progettazione e costruzione della Cattedrale. La decisione di Gian Galeazzo di utilizzare il marmo di Candoglia al posto del tradizionale mattone lombardo si accompagnò ad una vera rivoluzione di stile, attraverso la scelta del gotico, che costrinse la Fabbrica a ricercare ingegneri, architetti, scultori e lapicidi nei cantieri di cattedrali di mezza Europa. Il vivace spazio di scambio delle più diverse idee, esperienze e manualità espresse da maestranze provenienti da tutto il continente resero il Duomo un crocevia di popoli e culture e la più europea tra le cattedrali gotiche. L’alternarsi di architetti e ingegneri a capo di questo cantiere innovativo e originale rende impossibile risalire ad una sicura paternità del progetto. La costruzione cominciò dall’abside, con le sue meravigliose e imponenti vetrate, e proseguì verso il transetto e le prime campate delle navate, lasciando in sospeso l’annoso problema della chiusura della volta. Il 16 ottobre 1418, Papa Martino V, di ritorno dal Concilio di Costanza, ne consacrò l’altare maggiore. Alla fine del Quattrocento i più grandi architetti e artisti del tempo, tra cui Leonardo da Vinci, si cimentarono nell’impresa della progettazione del tiburio. Conclusasi anche questa fase con una decisione corale, la costruzione proseguì e si aprì una nuova stagione per il cantiere del Duomo, ispirata alla pastorale di Carlo Borromeo. Il Concilio di Trento infatti (1545-1563) diede avvio, con i suoi decreti, alla Controriforma o, meglio, alla Riforma cattolica, in opposizione a quella protestante. In quest’ottica, Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano dal 1564 al 1584 e Federigo Borromeo (arcivescovo dal 1595 al 1631) ispirarono i loro interventi in Duomo alle concezioni ed alle forme dell’architettura e dell’arredo ecclesiastico della Roma papale, dando una nuova impronta all’interno del Duomo: il grandioso impianto architettonico del presbiterio, gli altari laterali, la cripta, il battistero, il pavimento. I Quadroni di San Carlo ed il coro ligneo restano tra le testimonianze più interessanti di questa prolifica epoca. Alla fine del Cinquecento, inoltre, si iniziò a progettare la facciata del Tempio, gettando le fondamenta per la costruzione di un nuovo prospetto mentre, nel frattempo, era stata ricostruita più avanti rispetto alla collocazione originaria l’antica facciata di Santa Maria Maggiore, che verrà demolita solo nel 1683. Come tanti altri elementi della Cattedrale, anche la facciata dovrà attendere molto per arrivare alla realizzazione di un progetto definitivo che si avrà solo alla fine del Settecento. Tra XVII e XVIII secolo, si ebbe il completamento del Tiburio con la gran guglia e la posa della Madonnina (1774). L’Ottocento rappresentò per il Duomo un secolo di grande attività. Per iniziativa di Napoleone, alla vigilia della sua incoronazione a Re d’Italia, venne intrapreso il lavoro di completamento della facciata (1807-1813). Proseguirono i lavori di costruzione e di decorazione, con la realizzazione della maggior parte delle guglie sulle coperture e di molte vetrate istoriate, realizzate con la tecnica del vetro dipinto a smalto. Il Novecento, secolo di guerre e di conflitti, vide l’avvio dei grandi restauri, i primi scavi archeologici in Piazza del Duomo e l’ideale completamento della facciata con la realizzazione delle porte, risalente infatti ad un periodo relativamente recente, tra il 1909 e il 1965. Nella seconda metà del XX secolo la Fabbrica intraprese il restauro completo, strutturale e conservativo di alcune complesse parti del Duomo. Gli anni sessanta e settanta del Novecento videro l’ente impegnato sulla facciata e con il secondo restauro eseguito sulla Guglia Maggiore dopo quello effettuato nel 1840. All’interno della Cattedrale, il complesso restauro statico dei piloni del Tiburio fu certamente tra gli interventi più complessi, mentre il finire del secolo vide protagonisti del Cantiere l’abside, la facciata e, successivamente, il terzo restauro della Guglia Maggiore. Dal 2016, è invece iniziata l’appassionante sfida del restauro del Tiburio e della cupola.

LE TERRAZZE: PASSEGGIARE A 70 METRI DI ALTEZZA Il tetto del Duomo di Milano comprende una superficie calpestabile di 8000 metri quadrati: questo lo rende il tetto calpestabile più esteso del mondo appartenente a una cattedrale gotica. Il percorso sulle Terrazze del Duomo di Milano si snoda in mezzo alle guglie e permette di arrivare proprio sotto la famosa Madonnina (o Madunina per i veri milanesi) osservando 134 guglie e 3.500 statue che adornano l’edificio. La Madonnina è situata a 108.50 metri di altezza ed è alta più di 4 metri. Protegge la città di Milano dal 1774. Prima di raggiungere questo splendore, però, passerai in mezzo alle altre 134 guglie e 3 500 statue che adornano l’edificio.
Per accedere alla Cattedrale è necessario ritirare il Culture Pass presso la biglietteria del museo del Duomo in Piazza del Duomo 12.


Orari:
Lunedì: 09:00 - 18:00
Martedì: 09:00 - 18:00
Mercoledì: 09:00 - 18:00
Giovedì: 09:00 - 18:00
Venerdì: 09:00 - 18:00
Sabato: 09:00 - 18:00
Domenica: 09:00 - 18:00

Sei abbonato?
Tessera Lombardia - Valle d'Aosta: in abbonamento
Non sei abbonato?
  • Biglietto intero: Gratuito
  • Biglietto ridotto: Non previsto

Informazioni aggiuntive orari di apertura:

Cattedrale e Area Archeologica: 9.00-18.00

Terrazze del Duomo salita a piedi
Lunedì-giovedì: 9.00-19.00
Venerdì-sabato-domenica: 10.00-20.00

Terrazze del Duomo salita in ascensore
Venerdì-sabato-domenica: 09.00-18.00

NB: Le informazioni possono variare. Controlla sempre il sito del museo per orari e tariffe aggiornate.
Piazza del Duomo, 12 Milano (MI)

Servizi e accessibilità

Disabilità Apri
Infanzia Apri

Potrebbe interessarti anche:

DUOMO DI MILANO | AREA ARCHEOLOGICA
Il Battistero di San Giovanni alle Fonti è il primo battistero con vasca ed edificio ottagonale della cristianità. L’ottagono ricorda,…
Milano (MI)
DUOMO DI MILANO | MUSEO DEL DUOMO E CHIESA DI SAN GOTTARDO IN CORTE
Il Museo del Duomo nasce dalla Cattedrale, da cui provengono tutte le opere esposte e che al Duomo costantemente si…
Milano (MI)
Gallerie d’Italia – Milano
Le Gallerie d’Italia di Milano affacciano direttamente sulla centrale Piazza della Scala e attraverso tre palazzi storici di pregevole architettura…
Milano (MI)
AM Piemonte Valle d'Aosta
280musei

AM Piemonte Valle d'Aosta

250 musei in territorio piemontese e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per piemontesi e valdostani.
Abbonamento Formula Extra
480musei

AM Formula Extra

è la formula integrata per visitare 480 realtà in Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta.
Tre regioni in un’unica carta.
AM Lombardia Valle d'Aosta
230musei

AM Lombardia Valle d'Aosta

200 musei in territorio lombardo e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per lombardi e valdostani.