Mostra temporanea

La Madonna degli anelli

Museo Civico Ala Ponzone - Cremona (CR)

In abbonamento
Da venerdì 31.05.2024 a domenica 30.06.2024

Dopo un attento e scrupoloso restauro curato da Muriel Vervat, nella Sala delle Colonne del Museo Civico Ala Ponzone è ora esposta La Madonna degli Anelli, un’importante tavola trecentesca fiorentina raffigurante la Madonna col Bambino. Questa preziosa opera è stata donata alla Pinacoteca nel 2014 dagli eredi di Giorgio Brugnelli.

La tavola, apparsa per la prima volta sul mercato antiquario nel 1978 sotto il nome di Cenni di Francesco, è stata successivamente attribuita da Miklòs Boskovits nel 1980 al cosiddetto Maestro del Bargello. Questo pittore, attivo a Firenze nella seconda metà del Trecento, deve il suo nome a un affresco staccato raffigurante una Madonna col Bambino tra angeli e santi, oggi conservato nel Museo del Bargello. Tale affresco è eccezionalmente esposto accanto alla Madonna degli Anelli, permettendo così un’opportuna comparazione tra le due opere.


Orari:
Lunedì: chiuso
Martedì: 10:00 - 17:00
Mercoledì: 10:00 - 17:00
Giovedì: 10:00 - 17:00
Venerdì: 10:00 - 17:00
Sabato: 10:00 - 17:00
Domenica: 10:00 - 17:00

Sei abbonato?
Tessera Lombardia - Valle d'Aosta: in abbonamento
Non sei abbonato?
  • Biglietto intero: 10,00 €
  • Biglietto ridotto: 8,00 €

Il luogo:

Museo Civico Ala Ponzone

via Ugolani Dati, 4 Cremona (CR)
NB: Le informazioni possono variare. Controlla sempre il sito del museo per orari e tariffe aggiornate.

Servizi e accessibilità

Disabilità Apri
Infanzia Apri
AM Piemonte Valle d'Aosta
265musei

AM Piemonte Valle d'Aosta

235 musei in territorio piemontese e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per piemontesi e valdostani.
Abbonamento Formula Extra
480musei

AM Formula Extra

è la formula integrata per visitare 480 realtà in Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta.
Tre regioni in un’unica carta.
AM Lombardia Valle d'Aosta
245musei

AM Lombardia Valle d'Aosta

215 musei in territorio lombardo e 30 in Valle d’Aosta compongono l’offerta
pensata per lombardi e valdostani.